Inseguita da un archetipo

Un’idea nuda, un archetipo insegue Emily Brontë: spinge per essere afferrato e raccontato. Come fare per maneggiarlo e possederlo?

È così semplice, suggerisce Sara Mazzini in Centinaia di inverni, basta abbandonarsi a esso, lasciarsi assaltare – un’idea nuda è più forte dell’individuo che intende veicolarla. Dice Emily (dice Sara in Emily):

“Di nuovo ero incappata in un personaggio maligno la cui storia presentava forti somiglianze con quella dell’orfano Walsh, che ormai era diventato per me una sorta di demone persecutore. Che si chiamasse Jack Sharp o Henry Casson, questo oscuro personaggio traboccante di rancore continuava a riproporsi alla mia attenzione in vesti nuove, e una tale ricorrenza mi spinse a pensare che forse la sua storia mi inseguiva perché sentiva il bisogno di essere narrata, e in me aveva individuato il mezzo più capace per sbrogliarla.
Nella mia mente si innescò un meccanismo febbrile. Ogni cosa che vedevo assunse una precisa collocazione nella mia immaginazione. A ciascuna assegnai un significato, non necessariamente identico a quello che aveva posseduto nel mondo materiale, e tagliai fuori tutto ciò che non sarebbe servito a raccontare la mia storia.”
(Centinaia di inverni, la vita e le morti di Emily Brontë, Jo March, 2018, pp. 140-141)

COPERTINA-centinaia-di-inverni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: